Sostieni Molfettanet.com - visita il nostro sponsor

Visita il nostro sponsor

Vuoi una email gratis? registrala su email.it!


 
 
     
 

Marzo

Mese dedicato a Marte (Martius mensis), terzo mese dell'anno e primo in quello romano fino all'epoca dell'impero; vien definito pazzerello per la variabilità continua del tempo. Verso il 21 marzo ha luogo l'equinozio di primavera, però, meteorologicamente la primavera inizia giorno 1 a nord dell'equatore.

1/3/1763 - martedý - Nasce Sergio Raffaello Bartoli da Onofrio e Ippolita Simone, canonico e penitenziere. Insigne oratore, latinista, maestro di eloquenza, di lettere e teologia nel Seminario; membro del Consiglio della P.I. per la provincia di Bari. Ha lasciato varie scritture sulla numismatica greca, latina ed ebraica, ed una memoria sui pesi e misure delle diverse nazioni. Muore il 24 dicembre 1836.

1/3/1811 - venerdý - Nasce Giacinto Poli da Vitangelo e Drusilla Tortora Brayda. Letterato, di idee antimonarchiche si iscrisse alla carboneria insieme a Giovanni Cozzoli. Durante l'epidemia di colera del 1837, spese di suo 102 ducati per letti e medele per i colerosi. Benché di casato nobile era sempre umile verso gli altri e preferiva stare dalla parte del popolo, infatti, nel 1847 rifiutò l'invito personale del re Ferdinando II di andare a corte. Ricoprý varie cariche pubbliche, adoperandosi sempre pi¨ a costruire che a reprimere. Muore il 23 agosto 1882 lasciando varie opere e racconti.

4/3/1706 - giovedý - Il molfettese Baldassarre del Giudice con una sua disposizione fonda un Mon-te la cui rendita doveva servire per acquistare letti per le zitelle povere. Con decreto del 10 ottobre 1866, detta spesa Ŕ attribuita all'asilo di mendicità.

4/3/1918 - lunedý - Giovanni Iacono di Ragusa Ŕ eletto vescovo di Molfetta. L'8 dicembre 1920 viene trasferito a Caltanisetta ove muore nel 1951.

5/3/1581 - giovedý - Mons. Maiorani per meglio custodire la chiesa della Madonna delle Rose, cede la proprietà al Capitolo. Il 27 aprile 1617 il Capitolo cede la chiesa a fra' Giuseppe Curti da Napoli dell'ordine di S. Girolamo da Fiesole, per farne una grangia del suo ordine. Nel 1668 la chiesa ritorna al Capitolo il quale destina un laico a custode della chiesa; l'ultimo di questi, fra' Antonio, con testamento del 14 gennaio 1735 lascia erede il Capitolo Cattedrale della chiesa con relativa rendita.

5/3/1814 - sabato - Viene riconosciuta la confraternita del Carmine. Sorta il 4 giugno 1813 per vo-lere dei marinai molfettesi per raccogliersi sotto la protezione di Maria Santissima del Carmine e mantenersi fedeli al Signore; opera presso la chiesa di S. Pietro Apostolo o delle "Monacelle" e si distinguono per: camice e cappuccio bianchi, mozzetta e cingolo con fiocco viola, al collo laccio viola con piastra di metallo raffigurante la Madonna del Carmine. Questi confratelli portano a spalla il simulacro della Veronica il Sabato Santo.

7/3/1671 - sabato - Con decreto di mons. Carlo Loffredi la chiesa di S. Stefano viene elevata a Par-rocchia, la prima fuori le mura.

7/3/1897 - domenica - Si inaugura il monumento a Giuseppe Mazzini in Molfetta, opera dello scultore Filippo Cifariello con epigrafe di Giovanni Bovio. Questo monumento fu donato al Comune dal Cifariello il quale chiese solo 12.000 lire per le spese del marmo.

8/3/**** - Nel 1910 la Conferenza Internazionale dei movimenti femminili, riunita a Copenaghen, in ricordo di un gruppo di operaie vittime di un infortunio sul lavoro, lancia la "Giornata mondiale della donna", fissandola per l'8 marzo di ogni anno.

8/3/1811 - venerdý - Nasce Emanuele Ribera da nobile famiglia originaria della Spagna accasata a Molfetta sin dal tempo di Carlo di Borbone. Sin da piccola età Ŕ stato un modello di pietà e di carità, perciò caro a mons. Caracciolo il quale lo anteponeva a tutti gli altri seminaristi. Padre della chiesa, venerato come sommo in cose sacre; nel 1830 entra nella congregazione Liguorina e nel 1833 viene promosso al sacerdozio. Muore in concetto di santità a Napoli nel 1874.

9/3/1913 - domenica - Si inaugura il monumento all'arciprete Giovene dello scultore Giulio Cozzoli. Il busto Ŕ stato donato al comune dal vescovo Pasquale Picone.

10/3/1821 - sabato - Nasce Vito Martire Fornari da Giuseppe Antonio e Anna Maria Tridente. Filo-sofo e letterato, profondo conoscitore del latino, greco e lingue orientali, autore della "Vita di Cristo", "L'arte del dire", "L'età dell'oro" ed altre importanti opere. Proprio per la vasta conoscenza nelle lingue antiche nel 1844 gli fu chiesto, dal ministero dell'interno, d'interpretare e tradurre i papiri di Ercolano; con decreto del 20 ottobre 1860 Garibaldi nomina il Fornari prefetto della biblioteca nazionale di Napoli, ove restò fino alla morte il 6 marzo 1900.

13/3/1566 - Maiorano Maiorani, nipote di Nicolò Maiorani, viene eletto vescovo di Molfetta. Grande fu il suo impegno e molte le sue opere, nel 1572 animò i fedeli per ottenere contribuzioni volontarie per costruire un nuovo convento per i Padri Cappuccini; nel 1581 concesse la nuova sede, a fianco della chiesa di S. Pietro, alle religiose Benedettine con l'obbligo della clausura; nel 1582 fece restaurare il palazzo vescovile in parte diroccato dai francesi durante il sacco del 1529. Muore il 31 luglio 1597.

13/3/1848 - lunedý - Viene istituita nel regno di Napoli la Guardia Nazionale per il mantenimento dell'ordine pubblico; a Molfetta si forma un battaglione di quattro compagnie al comando di Giovanni Cozzoli.

17/3/1861 - domenica - Vittorio Emanuele II Ŕ proclamato re d'Italia.

17/3/1923 - sabato - Il commissario fascista colonnello Scherini ordina di festeggiare l'annessione di Fiume all'Italia.

18/3/1895 - lunedý - Pasquale Picone, nato a Casaluce il 13 luglio 1836, viene eletto vescovo di Molfetta. Muore il 5 settembre 1917.

18/3/1927 - venerdý - ╚ istituito il Dopolavoro per i lavoratori cittadini.

19/3/1781 - lunedý - Anna Nicola de Luca lega una parte dei suoi beni per sovvenire i poveri del paese e per somministrare le medele ai poveri infermi a domicilio, costituendo il Monte Luca Lepore. Con decreto del 10 ottobre 1866 la rendita dei detti beni fu devoluta all'asilo di mendicità.

19/3/1784 - venerdý - Nasce l'abate Mauro Luigi Rotondo da Pasquale e Maria Modugno, allievo dell'arciprete Giovene, istruito nelle lettere e nelle scienze, economista, fu scelto da Ferdinando II a ricoprire l'incarico di Capo Dipartimento del Ministero delle Finanze. Le tante opere scritte sulle finanze nell'interesse del governo gli fecero acquistare l'appellativo di filosofo economista. Muore a Napoli il 28 dicembre 1855.

11/3/1784 - giovedý - Nasce Mauro Luigi Rotondo. Sacerdote ed economista. Scrisse varie opere in materia economica, politica e finanziaria, tanto da essere definito "filosofo economista". Muore a Napoli il 28 dicembre 1855.

19/3/1878 - Aldo Garzia, nato a Parabita il 3 marzo 1926, Ŕ eletto vescovo di Molfetta. Il 15 giugno 1982 viene trasferito a Gallipoli.

21/3/1812 - sabato - Nasce Sergio de Judicibus da Matteo e Maria Cappelluti, erudito sacerdote e rettore del Seminario che elevò a grandi studi classici, giudò in dottrina e virt¨ le crescenti generazioni. Fu il primo in Molfetta e nelle nostre provincie a riformare l'ordinamento degli studi classici. Muore a Molfetta il 10 aprile 1874.

21/3/1859 - lunedý - Si inaugura a Molfetta il servizio pubblico telegrafico.

22/3/1815 - mercoledý - Viene riconosciuta la confraternita dell'Assunta in Cielo. Sorta il 10 giugno 1812 opera presso la chiesa di S. Gennaro e si distinguono per: camice e cappuccio bianchi, mozzetta colore crema con fiorellini sparsi rosso bruno e cingolo con fiocco vino, al collo laccio color vino con piastra di metallo raffigurante la Madonna Assunta in Cielo. Questi confratelli portano a spalla il simulacro di Ges¨ nell'orto e di S. Pietro rispettivamente il Venerdý e il Sabato Santo.

23/3/1902 - domenica - Viene eletta l'amministrazione comunale che decreterà l'abbattimento del Teatro Comunale che Molfetta ebbe per prima in Puglia, con la seguente motivazione: "ůritenuto opera di lusso, devoluta alla casta signorileů".

23/3/1919 - domenica - Fondazione dei Fasci.

24/3/1785 - giovedý - Nasce Felice Fiore da Matteo e Vincenza Abbatangelo da Trani. Fu sindaco di Molfetta e consigliere di Intendenza a Bari sotto il regno di Murat. Autore drammatico, fondò il teatro comunale, una ricca biblioteca e la sala dei ritratti degli uomini illustri. Muore il 28 novembre 1811.

25/3/1744 - mercoledý - Nasce Nicola Riganti, nipote di mons. Giambattista Riganti. Ordinato sacerdote nel 1768 gli furono affidati incarichi importanti da papa Pio VI e Pio VII; quest'ultimo nel concistoro del 1816 lo elevò cardinale, destinandolo alla sede di Ancona, ove muore nel 1822.

25/3/1908 - mercoledý - Lo scienziato Angelo Mosso, senatore del Regno, inizia importanti scavi al Pulo.

26/3/1765 - martedý - Il canonico Antonio Lisena fonda un Monte con la rendita del quale somministrare, ai poveri infermi a domicilio, carne, pasta, medele e quant'altro potesse essere necessario al loro sollievo.

26/3/1768 - sabato - Nasce l'arcidiacono Andrea Tripaldi; discepolo del Govine tenne la cattedra di filosofia, chimica e matematica nel nostro seminario. Diede alle stampe vari scritti meteorologia, fisica, chimica, agricoltura e storia naturale e fu annoverato, per la fama acquistata, nelle varie accademie italiane. Muore a Molfetta nel 1847.

26/3/1835 - giovedý - Nasce Boccardi Vito Cesare da Pietro Domenico e Susanna Tattoli. Vagheg-giava una Molfetta industriale, insegnò e fu preside; viaggiò molto interessandosi alla nuova scoperta di utilizzare l'olio di solfuro nella fabbricazione del sapone, a lui si deve l'iniziativa del primo stabilimento di laterizi. Mentre era intento ad altre scoperte chimiche da impiegare nell'industria la morte lo colse il 14 agosto 1868. Grazie alla sua tenacia e impegno Molfetta divenne una delle città pi¨ prospere del meridione, per il sorgere di numerose industrie.

27/3/1730 - lunedý - Onofrio Tattoli lascia tutti i suoi beni da destinare 50 ducati annui cadauno a sei donzelle povere per maritarsi ed altre opere di beneficenza.

27/3/1867 - mercoledý - In concistoro il pontefice Pio IX destina Gaetano Rossini alla nostra diocesi. Mons. Rossini, nato a Bari il 5 marzo 1796, al momento del trasferimento era arcidiacono di Acerenza. Pochi giorni dopo il suo arrivo a Molfetta ripartý per Roma, perché invitato alla solenne festa del centenario di S. Pietro; nel dicembre 1869 fece ritorno a Roma per prendere parte alle sessioni del Concilio Vaticano. Muore a Molfetta il 4 gennaio 1890.

28/3/1853 - lunedý - Nasce Gioacchino Poli, pronipote di Giuseppe Saverio, da Giacinto e Antonietta de Pa¨. Consigliere comunale provinciale, fervente propagandista d'idee e interessi democratici pugliesi. Fondò la società "I lavoratori del mare", libera associazione fra marinai. Nel 1897 indossò la camicia rossa, a fianco di Ricciotti Garibaldi, per intervenire in favore dei Greci attaccati dai Turchi. Fondò, in Andria, il giornale "L'Idea" a carattere liberale e scrisse alcuni saggi. Muore il 5 agosto 1924.

29/3/1666 - lunedý - Prende possesso di questa sede episcopale mons. Francesco de Marinis, nato a Genova nel 1630 da nobile famiglia. Rimane a Molfetta per quattro anni perché onorato dalla Santa Sede di cariche pi¨ alte in Roma e, in seguito, divenuto arcivescovo di Teodosia rassegna il posto di questa sede nelle mani di Clemente X nell'ottobre del 1670.

31/3/1766 - lunedý - Viene riconosciuta la confraternita della Concezione. Sorta il 6 maggio 1613 opera presso la chiesa di S. Bernardino detta degli "Zoccolanti" e si distinguono per: camice e cappuccio bianchi, mozzetta e cingolo con fiocco celesti, piastra di metallo raffigurante la Madonna dell'Immacolata Concezione. Questi confratelli portano a spalla il simulacro di Santa Maria Maddalena il Sabato Santo.

31/3/1767 - martedý - Viene riconosciuta l'arciconfraternita di S. Stefano dal Sacco Rosso. Sorta nel 1300 opera presso la chiesa di S. Stefano e si distinguono per: camice e cappuccio rosso scuro, cingoli con fiocchi e cappello rosso vivo. Questi confratelli portano a spalla il simulacro di Cristo Morto il Venerdý Santo.

31/3/1927 - giovedý - Il podestà avvisa la cittadinanza di non deturpare gli alberi che sono stati piantati lungo la strada del seminario pontificio, di quello vescovile e del Calvario.


Dario R. Uva - Cav. della Cristianità e della Pace
tel. 080.3389311 - e-mail: uvadario@libero.it

 

Sostieni Molfettanet.com - visita il nostro sponsor